La Torre srl
La Torre srl

Regione Pratovarino 14

14050 Moasca AT

 

Tel.: 0141 832070 

Fax: 0141 832070

e-mail: info@impresalatorre.com

Orari di apertura

 

da lunedì a venerdì:

08.30-12.30

14.30-18.30

 

sabato:

08.30-12.30

 

Avete delle domande?

Non esistate a passare nella nostra

sede di Moasca o a contattarci

direttamente in mail:

info@impresalatorre.com

Canelli (AT)

Vista sul castello di Canelli.

Dove

La città si trova nel sud della provincia di Asti, al confine con la provincia di Cuneo. Attraversata dal fiume Belbo, affluente del Tanaro, si estende su un territorio collinare con altezze che variano tra 150 e 500 metri sul livello del mare; gli abitanti sono 11.000. Canelli è un membro della associazione che riunisce le comunità delle colline "tra Langa e Monferrato", che comprende sei altri comuni della zona.

Tartufi e nocciole

Canelli si trova nel cuore della zona di produzione del tartufo bianco; il "Tuber Magnatum Pico" (volgarmente definito tartufo),  è il diamante della cucina piemontese. Il "trifolao", cioè cercatore di tartufo, si trova nel paese con l'aiuto di meticci, chiamati "tabui" con il naso incredibilmente sensibile. La "trifola", questa è la parola locale per tartufo, è il "re" della cucina gourmand; tagliato a fette sottili, è il "condimento" ideale dei "tajarin",  pasta tipica delle località intorno a Canelli, o di risotti, ma può anche essere affettato su uova fritte.

 Alcune altre ricette locali si basano sulla varietà di nocciola "Tonda Gentile della Langa". Questo frutto, con ottime caratteristiche organolettiche, è coltivato a Canelli e nelle colline circostanti della Langa Astigiana. I pasticceri locali hanno contribuito a migliorare le sue caratteristiche che lo usano non solo per i dolci famosi, ma anche per i biscotti, torrone, creme, gelati, liquori.

Vino e tecnologia

La fama di Canelli non proviene solo dal vino. Tra la prima e la seconda metà del ventesimo secolo, alcune attività connesse con la produzione di tappi di sughero si sono stabilite a Canelli. Grazie soprattutto alla comunità di immigrati provenienti dalla Sardegna sono arrivate a Canelli, proprio dalla zona di coltivazione di querce da sughero, alcune officine e piccole imprese specializzate nella produzione di tappi per il vino tranquillo e tappi per i vini spumanti. Nonostante le alterne vicende e la concorrenza forte, questo ramo è ancora una parte importante dell'economia cittadina. All'inizio della seconda metà del ventesimo secolola progettazione e la costruzione di macchine e attrezzature per l'industria del vino e il cibo sono stati istituiti sullo sperone del settore enologico di successo. Dopo oltre 50 anni le opere artigianali sono diventate grandi aziende leader in tutti i mercati del mondo con  un polo tecnologico invidiabile, tra cui una cinquantina di aziende con centinaia di lavoratori e un fatturato totale di circa 300 milioni di euro.

In evidenza

La città mostra monumenti prestigiosi e paesaggi pittoreschi da non perdere. Il castello, oggi di proprietà della famiglia Gancia (i famosi produttori di spumante), si erge sulla collina di Villanuova e domina Canelli. Le numerose chiese barocche situate in diverse parti della città sono state costruite tra i secoli XVII e XVIII, con gli interventi dei migliori artisti del tempo. Le chiese parrocchiali di San Tommaso e San Leonardo mostrano mobili di pregio, mentre le chiese di San Rocco e confraternita Annunziata sono piccoli gioielli architettonici.

La città che risale la collina è suddivisa in Borgo e Villanuova e offre una splendida vista e molti affascinanti prospettive di sport antichi.

Re-fondata nel 1996, su iniziativa dei comuni di Canelli, Cassinasco, Calosso, Calamandrana, Monastero Bormida, Bubbio, Loazzolo, Sessame, San Marzano Oliveto e Vesime, dopo che la vecchia sede andò distrutta da una piena, l '"Enoteca Regionale di" Canelli e dell'Astesana " si trova nella cantina sotterranea di un edificio del XIX secolo in Corso Libertà a Canelli, vicino alle sedi storiche di importanti cantine produttrici di spumante. E 'stato ufficialmente inaugurato nel giugno 2000 e l'Enoteca offre ai visitatori la possibilità di degustare i prestigiosi vini delle cantine associate accompagnate da piatti locali e prodotti gastronomici.

Eventi

- L'ssedio di Canelli: La ricostruzione storica della "Assedio di Canelli - anno 1613" si svolge il terzo fine settimana di giugno. La festa commemora un episodio reale accaduto all'inizio del XVII secolo. Questo evento,  ricostruzione unica nel suo genere, celebra la vittoria del popolo di Canelli e di un reggimento di soldati sabaudi contro l'esercito del Monferrato let dal duca di Mantova. Circa tre mila persone in costume danno vita ad una pagina di storia e per due giorni circa 20 locande e taverne, con precisione di forma in stile del XVII secolo, i menu offrono esattamente ciò che offrivano le ricette di quel secolo. Nel frattempo si realizzano duelli con il freddo acciaio, combattimenti con cannoni antichi e le cariche di cavalleria vengono portate in  vita ancora una volta in un'atmosfera coinvolgente.

 

- Canelli Città del Vino: L'evento più importante nel mese di settembre (quarto fine settimana) è "Canelli - Città del Vino", un evento gastronomico dedicato ai migliori prodotti delle varie regioni italiane corrispondenti con i vini e la cucina tradizionale di Canelli. Si svolge nelle cantine storiche delle cantine di Canelli e nei luoghi più suggestivi della città, ed è accompagnato da musicali, folkloristici, eventi culturali e  mostre d'arte.

 

- Antica Fiera di San Martino: L'"Antica Fiera di San Martino" è una tradizione molto antica, in realtà è menzionata negli statuti del Comune, risalente al XIV secolo. Per un giorno intero, oltre trecento bancarelle sono disposte a formare un caratteristico mercato, con gruppi di artisti di strada, saltimbanchi, giocatori al fine di rallegrare i residenti ed i turisti in giro per lo shopping. Per non parlare degli eventi enologici e gastronomici. Nelle piazze e nelle strade della città ci sono stand che presentano prodotti locali, inoltre c'è la distribuzione tradizionale della "trippa", cucinata secondo la ricetta tradizionale di Canelli.

 

- Fiera Regionale del Tartufo: La "Fiera Regionale del Tartufo" è interamente dedicata all’esposizione e vendita di tartufo bianco. Durante tutta la giornata della Fiera, il cui programma prevede spettacoli di artisti di strada e di un lettore, è possibile acquistare  tartufi direttamente da ricercatori, di pranzare nei ristoranti della zona che offrono  speciali menù a base di tartufo e degustare prodotti e vini locali. Il programma prevede visite alle cantine vinicole e le loro cantine sotterranee.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© La Torre srl Regione Pratovarino 14 14050 Moasca